• LEZIONI FRONTALI

    In aula RECITAZIONE con i docenti di ruolo

    • Metodo Strasberg / Stanislavskij
    • Recitazione
    • Improvvisazione
    • Dizione
    • Acting for camera
    • Laboratori pratici in aula
    • Storia del Cinema

  • ACTING
    for CAMERA

    MASSIMA OPERATIVITÀ SUL CAMPO:

    • Pratica sul set permanente
    • Esercitazioni individuali
    • Esercitazioni di gruppo
    • Prove pratiche con il corso Directing
    • Laboratori interni
    • Interpretazione cortometraggio di diploma

    Interdisciplinarietà con le classi Directing

  • INTERPRETAZIONE
    CORTOMETRAGGI

    Entrare nel personaggio nel tempo di un ciak,
    interpretare un segmento di storia in forma non consequenziale,
    ripetere l’azione più volte senza per questo perdere freschezza e credibilità

  • DOPPIAGGIO

    SALA DOPPIAGGIO INTERNA:

    • Introduzione teorica alle tecniche
    • Affiancamento del docente
    • Esercitazione in sala su film, serie tv e cartoni
    • Respirazione
    • Fonetica
    • Assegnazione anelli singoli e di gruppo

    I moduli si dividono in base e avanzato

  • WORKSHOP
    e SEMINARI

    INCONTRI TEORICO – PRATICI

    • Preparazione casting cinema e tv
    • Acting for film (con registi/acting coach)
    • Storia e linguaggio del cinema

    Durante il biennio gli allievi affronteranno giornate intensive con professionisti del settore

  • SAGGIO SPETTACOLO
    di FINE ANNO

    Le circostanze uniche e irripetibili dell’atto dal vivo,
    al cospetto di un pubblico, sono per l’attore la migliore palestra.
    Sul palco dev’essere necessariamente “buona la prima”.

RECITAZIONE

 

 

FREQUENZA

 

 

• Lezioni frontali due volte la settimana + Cineforum + Seminari (da sommare alle lezioni frontali) 
• Laboratori pratici e verifiche (durata 4/6 ore a scadenza di ogni trimestre)
• Modulo 1 e 2 - Doppiaggio (sessioni singole/gruppo) 
• Cineforum (1 volta a settimana / da Novembre a Marzo)
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 
Esempio di Frequenza:
• Lezione frontale, Martedì e Giovedì (18:00 - 20:00)
• Cineforum, primo e terzo Venerdì del mese (17:00 - 20:00)
• Seminari/Workshop, seconda o quarta settimana del mese (15:00 - 18:30)
TOTALE: 2/3 Volte a settimana 
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
 
+ 1° ANNO: STAGE sul SET dei corti in produzione + Spettacolo di fine anno
+ 2° ANNO: INTERPRETAZIONE CORTOMETRAGGIO

DURATA CORSO:
1° ANNO: 1° Ottobre - 20 Giugno
2° ANNO: 15 Settembre - 20 Giugno
3° ANNO: 15 Settembre - 20 Giugno (In caso di ammissione)
 
COSTI:
Quota di iscrizione (valida per il biennio) 
1° ANNO: 1800€ (150€/mese) - Corso di Doppiaggio e Workshop compresi nel prezzo
2° ANNO: 1800€ (150€/mese) - Corso di Doppiaggio e Workshop compresi nel prezzo
3° ANNO: (In caso di ammissione)
 
WORKSHOP e SEMINARI COMPRESI NEL PREZZO
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO: soluzione unica o rateizzata in diverse soluzioni - es. 150€/mese.
 
CLASSI A NUMERO CHIUSO 13 PERSONE

DUTTILITÀ È LA PAROLA MAGICA
Recitare è un’attività intimamente connaturata all’essere umano. Studiarne i meccanismi è una preziosissima opportunità di educazione agli affetti, ai sentimenti e di scoperta profonda di sé. Non esistono ricette o risposte preconfezionate.
Recitare è un'attività concreta, artigianale, fatta da esseri umani per altri esseri umani. È impossibile riferirsi ad un metodo unico ed universale. “Duttilità” è la parola magica. Facciamo tesoro delle ricerche artistiche di grandi uomini, che hanno tentato di sistematizzare le loro intuizioni sulla Recitazione, di fornire percorsi di allenamento, giochi ed esercizi per rapportarsi tanto al linguaggio del teatro, quanto a quello del cinema.

RECITAZIONE

 Teorie e tecniche attoriali
 Il training dell'attore: rilassamento, ascolto, attenzione
 Educazione del corpo: senso cinestetico, presenza
 Educazione della voce: fonazione, proiezione, espressione
 L’attore e lo spazio: studio della prossemica
 Introduzione ai metodi (secondo gli studi dei grandi ricercatori quali Stanislavskij, Mejerchol'd,    Brecht, Strasberg…)
 L’attore ed il suo approccio ai diversi linguaggi: Teatro e Cinema
 Analisi del testo e studio del personaggio
 

DIZIONE

 Studio delle regole ortoepiche
 Esplorazione e conoscenza della voce: riscoperta della propria voce "naturale" che risulti "vera" ed emozionante, raggiungimento di una fonazione libera
 Esercizi di tecnica fonatoria
 Tecniche di lettura e interpretazione: analisi dei generi letterari, esplorazione profonda di un testo e acquisizione degli strumenti per metterlo "in vita"
 

ACTING FOR FILM

 Conoscere le dinamiche produttive durante le riprese, lo Spazio ed i Tempi del Set
• Quali sono le figure che lo compongono e con le quali ci si relaziona
• Spostamento emotivo della macchina e non del soggetto nello spazio
• Conoscere i Piani, i Movimenti di Macchina e i Campi dell’Inquadratura di cui si è protagonisti
• Saper “Sentire” la Macchina da Presa
• Coreografia e saturazione dell’inquadratura
• Spazio vs Soggetto
• Prove pratiche con la classe di regia
 

DOPPIAGGIO

Al di là di ogni opinione che si possa avere sul Doppiaggio, per alcuni “sfida sacrilega” alla purezza di un’opera cinematografica, nel nostro paese è un artigianato artistico che va avanti dagli anni ’30. Nell’ambito del nostro percorso di Recitazione ciò che ci interessa sperimentare è che il doppiatore è prima di tutto un attore, capace di interpretare con tempi e modalità che non sono i suoi propri, ma quelli del volto a cui regala la sua voce
 

 Breve introduzione alla storia ed alle tecniche
Cenni teorici: come si legge una lista dialoghi
 Pratica al microfono su diversi generi  (film, serie tv, cartoons)
 Sala a disposizione per esercitazioni singole e di gruppo
 Verifica degli anelli effettuati

PREPARAZIONE CASTING CINEMA e TV

La scuola durante il biennio di studi organizza incontri con agenzie e casting Director in modo da poter orientare e preparare gli allievi dopo il percorso di studi a muovere i primi passi nel mondo del lavoro. Negli ultimi anni diversi professionisti hanno tenuto seminari e work-shop nel corso di recitazione, l’ultimo  è stato tenuto da Fabiola Banzi che ha curato cast per “ Braccialetti Rossi, Melissa P., Una vita tranquilla, Quo vadi baby (Salvatores), Don Matteo” e oltre piu’ di cinquanta lavori tra fiction e cinema.

1° ANNO: SAGGIO SPETTACOLO DI FINE ANNO

Nella formazione dell’attore l’esperienza teatrale è fondamentale. Le circostanze uniche e irripetibili dell’atto dal vivo, al cospetto di un pubblico, sono per l’attore la migliore palestra. Sul palco dev’essere necessariamente “buona la prima”.

2° ANNO: INTERPRETAZIONE CORTOMETRAGGIO DI FINE ANNO

L’allievo, attraverso esercizi di rilassamento, di controllo e dosaggio espressivo, favorirà l’occhio ravvicinato dell’obiettivo, in base alla ripresa (campo stretto, primo piano, piano americano). Egli si allenerà ad entrare nel personaggio nel tempo di un ciak, a interpretare un segmento di storia in forma non consequenziale e a ripetere l’azione più volte senza per questo perdere freschezza e credibilità.